Fondo di integrazione slariale
Fondo integrazione salariale
10 febbraio 2016
ragazzo-pensa
Nuova proroga per l’invio del prospetto informativo disabili
26 febbraio 2016

Depenalizzazione ritenute previdenziali

depenalizzazione ritenute previdenziali

L’omesso versamento di ritenute previdenziali fino a 10.000 euro non costituirà più reato, ma sarà punito con una sanzione amministrativa da 10.000 a 50.000 euro, ai sensi del nuovo all’articolo 3, comma 6 D.lgs 8/2016.

L’articolo 2, comma 1, del Dl 462/1983 stabilisce che le ritenute previdenziali e assistenziali operate dal datore di lavoro sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti debbano essere versate e l’omesso versamento di tali ritenute era punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a euro 1.032, a prescindere dall’importo non versato.

La depenalizzazione prevede la trasformazione in illecito amministrativo del reato, se l’importo omesso non è superiore a 10mila euro annui, si applica la sanzione amministrativa da 10mila a 50mila euro.

E’ previsto che Il datore di lavoro non sia punibile, nè assoggettabile alla sanzione amministrativa, qualora provveda al versamento delle ritenute entro tre mesi dalla contestazione, o dalla notifica dell’avvenuto accertamento della violazione

<h3>Hai bisogno di approfondimenti?</h3>

Hai bisogno di approfondimenti?

Invia una domanda:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 Autorizzo Ciciani & Petricca al trattamento dei dati

Approfondisci nella pagina della Privacy policy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *